Header Ads

test

CLIMA: MINISTERO AMBIENTE FIRMA PATTO DI PARIGI

Il ministero dell’Ambiente ha firmato a Budapest il “Patto di Parigi”, nell’ambito della Settima Sessione dell’Incontro delle Parti della Convenzione UNECE (in programma fino al 19 novembre) sulla protezione e l’utilizzazione dei corsi d’acqua transfrontalieri e dei laghi internazionali.
Il “Patto di Parigi” sottolinea l’importanza dell’inclusione delle risorse idriche nelle misure di adattamento ai mutamenti del clima. Il documento è parte dell’agenda di Lima-Parigi, nel quadro della Cop21 che si svolgerà nei prossimi giorni e farà parte del programma della "Giornata d'azione sulla resilienza ai cambiamenti climatici" che si terrà nella capitale francese il 2 dicembre.

«L'obiettivo che le amministrazioni in collaborazione con l'industria dovrebbero perseguire, è l'eliminazione o la riduzione degli effetti negativi sull'ambiente nella produzione industriale, attraverso una progettazione attenta alle tematiche ambientali - ha detto Antonio Fago, presidente di Centro Studi Prospettive. Tutti possiamo fare qualcosa volontariamente: per questo è nata l'Associazione internazionale volontari Amici del Creato e le Guardie ecologiche amiche del creato. "Il nostro pianeta è l'unico che abbiamo, non possiamo pensare di distruggerlo con comportamenti sbagliati. Oggi l'Italia è il Paese con il maggior numero di aziende virtuose. L'Italia, come emerso nella recente edizione degli studi generali della Green Economy che si è tenuta pochi giorni fa a Rimini, è leader nello sviluppo green di impresa: l'economia italiana è trainante nel settore».

A oggi, 152 organizzazioni hanno già firmato il “Patto di Parigi”, tra cui governi, Banca Mondiale, agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni di bacino, ONG e stakeholder locali.

La Fondazione sorella natura sarà presente alla conferenza delle Nazioni Unite COP21 di Parigi con la Vice Presidente, Professoressa Stefania Proietti, che parteciperà in qualità di ricercatrice sulla mitigazione dei cambiamenti climatici del Dipartimento di Ingegneria della Sostenibilità dell'Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma.

Nessun commento